ArvaliaToday

Corviale, consegnati i primi alloggi nell’ex piano occupato. Zingaretti: "Giornata storica"

Quattro famiglie, legittime assegnatarie, hanno ottenuto le chiavi per i primi quattro appartamenti realizzati nel cosiddetto “piano libero”. Zingaretti: “Dopo 20 anni di chiacchiere cominciano a cambiare le cose”

Zingaretti consegna le chiavi ad un'inquilina

Il Serpentone inizia a cambiare pelle. Sono stati infatti consegnati i primi quatto alloggi ricavati dal cosiddetto piano libero, quello che doveva ospitare servizi e che invece, per oltre due decadi, è stato interamente occupato. Entro la fine di luglio saranno poi assegnati altri 5 alloggi.

E’ una giornata storica visto che alla consegna dei primi appartamenti non ci credeva nessuno” ha commentato il governatore  Nicola Zingaretti che, in mattinata, si è recato con l’assessore regionale Massimiliano Valeriani ed il Direttore Generale di Ater Andrea Napoletano. Qui abbiamo investito complessivamente oltre 22 milioni di euro, per realizzare oltre 100 nuovi appartamenti e per riqualificare tutto il palazzo”.

I due progetti

Per la rinascita di Corviale ci sono due stanziamenti. Il progetto internazionale “Rigenerare Corviale”, bandito nel 2015 e finanziato dalla Regione, prevede di migliorare l’accessibilità e la circolazione interna ed esterna, creando dei collegamenti anche con i servizi pubblici esistenti o previsti. E’ prevista una nuova piazza, 27 atri al posto degli attuali 5 ingressi,  percorsi più visibili e quindi più sicuri. Questo progetto è finanziato con 11,7 milioni di euro. In parallelo procede la riqualificazione del IV Piano che, nella giornata del 17 luglio, è entrato nel vivo.

Il progetto internazionale "Rigenerare Corviale"

Un cambiamento concreto

“Sono contento perché dopo 20 anni di chiacchiere cominciano a cambiare le cose in una periferia romana che ha bisogno non di parole ma di fatti concreti. E la consegna di queste nuove chiavi – ha sottolineato Zingaretti – rappresentano il segnale che qualcosa può davvero cambiare”. Dello stesso tenore le dichiarazioni dell'assessore Massimiliano Valeriani "E' un grande  sogno dell’amministrazione regionale che sta prendendo piede. Sono iniziati i lavori qualche mese fa e stanno andando più veloce del cronoprogramma. L’obiettivo finale e di recuperare tutto il quarto piano per farci degli appartamenti visto che originariamente la destinazione era commerciale ma non è mai stata tale. Prima c’erano immobili che prima non erano destinati ad appartamenti, quindi per noi è un grande sfida di recupero e rigenerazione che mira, nei prossimi tre anni anzichè i cinque inizialmente previsti, a restituire 104 appartamenti".

Il nuovo look

La sfida è appena iniziata. I nuovi alloggi, alcuni dei quali sono stati mostrati alla stampa, hanno metrature differenti. C'è chi ha già iniziato a portarvi i mobili, come un inquilino che ha invitato la delegazione regionale a sorseggiare una tazza di caffè. A contribuire al nuovo look del Serpentone anche la via di accesso, il cui manto stradale è in corso di rifacimento.

L'impegno di Ater

"E’ il più grande progetto di riqualificazione in Europa. Parliamo di un immobile lungo 1 km, alto venti e con 8mila persone all'interno. Si è aspettato tanti anni ed abbiamo mantentuo la promessa in anticipo sui tempi. Era previsto in 175 giorni ed invece in 170 abbiamo consegnato i primi 9 alloggi. 4 oggi e 5 il 30 di luglio - ha dichiarato Andrea Napoletano, il Direttore Generale di Ater - Il progetto in se rappresenta una sfida, un esercizio molto complesso di ingegneria gestionale da un lato ed io aggiungerei anche di unmanità dall’altro. Non si fanno sgomberi selvaggi - ha rimarcato Napoletano - ma si trasferiscono le persone ed i vincitori di bando vengono re-inseriti negli alloggi".

Informare i residenti

Soddisfazione è stata espressa anche dall'Associazione Corviale Domani, da dieci anni in prima linea nei progetti di rilancio del quartiere. "E’ importante questa giornata perchè rende visibile ciiò che si sta facendo. ORa però - ha sottolineato Pino Galeota, presidente di Corviale Domani - dobbiamo giocare il secondo tempo, quello che ci consentirà di far sapere agli abitanti ed al territorio ciò che si sta facendo, bisogna informare cioè chi abita qui che si sta portando avanti una rigenerazione che mette al primo posto le persone". Anche perchè, come ha riconosciuto lo stesso Zingaretti "se non fosse stata per le persone, che si sono fidate ed hanno momentaneamente lasciato i loro alloggi, tutto questo non sarebbe successo". E quindi, perchè il Serpentone continui a cambiare pelle, occorre anche lavorare su chi lo abita e su quelle famiglie che, per due decadi, hanno vissuto negli alloggi estemporanei del quarto piano occupato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

Torna su
RomaToday è in caricamento