ArvaliaToday

Un murale per gli scomparsi: a Corviale i volti di Mirella ed Emanuela

L'opera ai piedi del Serpentone, Pietro Orlandi: "Mai smesso di cercare verità"

foto Facebook: Gianlcuca Martone, consigliere M5s Mun 11

Un murale per gli scomparsi, per ricordare tutte quelle persone che, in un giorno qualunque, non hanno più fatto ritorno a casa. Sparite nel nulla, avvolte nel mistero. 

A Corviale un murale per gli scomparsi 

Sono i volti di Mirella Gregori ed Emanuela Orlandi, entrambe scomparse nel 1983, a rappresentarli tutti su un muro di Corviale. 

Le sparizioni di Mirella Gregori ed Emanuela Orlandi

Lunghi capelli ricci per Mirella Gregori: quando scomparve aveva appena 15 anni. Nel pomeriggio del 7 maggio uscì di casa e non vi fece più ritono. 

Risale a poco dopo la scomparsa di Emanuela Orlandi, cittadina vaticana figlia di un commesso della Prefettura della casa pontificia, che svanì nel nulla. Anche lei aveva solo 15 anni.

Nel murale che la ritrae l'inconfondibile fascetta tra i capelli lunghi e lisci: lo stesso sorriso di quei manifesti che per anni ne hanno denunciato la sparizione. 

Al Serpentone il "non compleanno" di Mirella ed Emanuela

Due storie per certi versi simili, avvolte nel mistero: ancora senza spiegazioni o verità. Oggi Mirella ed Emanuela, nate rispettivamente il 7 ottobre del 1967 e il 14 gennaio 1968, avrebbero 50 anni ed è per il loro "non compleanno" che familiari, amici e tanti cittadini comuni si sono ritrovati al Serpentone, all'inaugurazione del murale che le ricorda. 

"Un 'non compleanno' che pesa particolarmente per chi non ha mai smesso di cercare la verità" - ha scritto Pietro, il fratello di Emanuela, sul suo blog. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'opera di Antonino Perrotta e PAT

A realizzare l'opera lo street artist Antonino Perrotta e i PAT, i Pittori Anonimi del Trullo. "Quando scompare qualcuno puoi anche cercare di tenerti occupato tanto da non avere tempo per pensarci ma poi basta che ti fermi un attimo e lo senti subito quel vuoto, perché solo le persone possono riempirti il cuore. A tutte le persone scomparse, a chi per sua scelta, a chi contro la sua volontà" - la scritta sui gradini appena sotto i volti di Mirella ed Emanuela. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento