ArvaliaToday

Corviale, il Comune non ripara le infiltrazioni: da un anno il mercato del contadino è fermo al palo

Il "Mercato Contadino" di Corviale, a distanza di un anno dai sigilli, non è tornato in funzione. I produttori hanno diversificato l'attività, ma non hanno smesso di scommettere su Coviale: "Noi restiamo fiduciosi"

Un anno fa si concludeva l’esperienza del Mercato Contadino di Corviale. Sotto all’ “albergo delle piante”, era fiorita una delle esperienze più significative maturate all’ombra del “serpentone”. Lo stabile che ospitava andava decine di produttori non è stato però messo in sicurezza. E quindi a nulla sono valse le proteste e le richieste degli operatori locali.

LA RICHIESTA DISATTESA - “Purtroppo, ad un anno di distanza, non si registrano novità – commenta Massimo Bistacchia, portavoce del Mercato Contadino di Corviale – non mi risulta neppure che siano state liberate le risorse per la messa in sicurezza dello stabile”. Nel maggio del 2015, durante una videointervista realizzata da Romatoday, il produttore aveva lanciato una richiesta all’allora Sindaco Marino. “Quali sono i tempi per l’adeguamento e la riapertura del Farmer’s Market?” aveva chiesto Bistacchia. Il primo cittadino aveva anche risposto, dichiarando di aver “immediatamente contattato l’assessore alle attività produttive ed ai lavori pubblici perché si mettano a disposizione del progetto”. La situazione tuttavia non si è però sbloccata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA FIDUCIA -“Noi restiamo fiduciosi che vengano fatti i lavori per le infiltrazioni dal tetto ed anche il nuovo bando per la gestione dello spazio che ha una funzione importante anche sul piano sociale. Adesso inevitabilmente quest’onere ricadrà sulla futura amministrazione” osserva Bistacchia che, come molti altri produttori, ha dovuto riorganizzare la propria attività. “Personalmente ho aperto un punto vendita. Altri produttori  invece stanno puntando su nuovi mercati, come quello di Capannelle”. Resta il rimpianto per un’esperienza che potrebbe esser rilanciata e che ancora interessa. Come però ha ricordato il produttore, ad occuparsene dovrà ormai pensarci “la futura amministrazione”. Con la gestione commissariale infatti, non si sono registrate le attese novità. Ed i vecchi operatori di Corviale, aspettano un segnale di discontinuità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, 2697 casi nel Lazio. A Roma 26 nuovi positivi: "Massima attenzione sul cluster del San Raffaele"

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

Torna su
RomaToday è in caricamento