ArvaliaToday

Corviale, per la riqualificazione si attende il Campidoglio: "Bisogna preparare le famiglie"

Preoccupa il modo in cui saranno sgomberati i locali del "Serpentone". CorvialeDomani: "Dopo la Regione, aspettiamo il Comune: vogliamo preparare, con i tempi giusti, risposte mirate alle famiglie"

Per la realizzazione del “Kilometro verde” manca poco. Continuano infatti a svolgersi gli incontri in vista della riqualificazione del quarto piano di Corviale. Perché “il serpentone” cambi pelle, è però necessario che tutti gli attori coinvolti facciano la propria parte. A partire dalla Regione, per finire con il Municipio. Senza dimenticare che, nella partita, resta fondamentale il ruolo di Roma Capitale.

LE GRADUATORIE - “Dal Campidoglio aspettiamo di sapere quali sono le cinquantuno famiglie che, in base alla graduatorie comunali, prenderanno il posto degli attuali occupanti senza titolo” spiega Pino Galeota, presidente dell’Associazione di promozione sociale CorvialeDomani. Giovedì l'A.p.s. ha preso parte ad un incontro sul "serpentone" che ha visto la partecipazione dell’assessorato alle politiche abitative della Regione, del Commissario straordinario dell'Ater e del Dipartimento competente. 

LA PREOCCUPAZIONE DEGLI SGOMBERI - L'appuntamento è stato utile per affrontare “in maniera concreta le preoccupazioni sul tema degli sgomberi”. Come è stato sottolineato da Galeota “bisogna accompagnare il progetto di riqualificazione” con l’esigenza di “prevenire  conflitti e resistenze, tenendo in conto le  necessità delle perone in carne ed ossa, delle loro preoccupazioni,  e delle difficoltà in presenza di situazioni di fragilità e disagio”. Per riuscirvi, sono stati previsti a valle interventi che implichino “un’interazione tra costruttori e imprese, urbanisti, ingegneri, sociologi, operatori della cultura, del Terzo Settore e del Privato Sociale”. Di questo approccio “ci faremo portavoci - promette Galeota - per dare forza al cambiamento, migliorarlo e renderlo operativo”.

GLI ALLOGGI ED IL COMUNE - Il prossimo passaggio invocato da CorvialeDomani, “vista la complessità, la delicatezza e l’innovatività dell’intervento” è un incontro con il Prefetto “per creare un  coordinamento tra Regione, Ater, Comune di Roma,  Municipio XI e CorvialeDomani”.In attesa di questo tavolo tecnico, è però fondamentale realizzare un passaggio. “Per dare senso al proposito di prevenire disagi e conflitti, il  Comune di Roma deve fornire la documentazione relativa alle famiglie assegnatarie  per preparare, con i tempi giusti,  risposte mirate  alle necessità evidenziate dai singoli nuclei familiari. Stesso discorso vale per le famiglie escluse, in modo che siano verificati i titoli per l’assistenza alloggiativa. In tal senso – conclude il presidente di CorvialeDomani – c’è una delibera di giunta regionale che già prevede soluzione alloggiativi per casi specifici. Alcuni dei quali, potrebbero essere stati individuati per le famiglie di Corviale che non risultano assegnatarie degli alloggi”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento