ArvaliaToday

Via della Magliana, addio allagamenti: dopo 50 anni progettata la rete fognaria

Da almeno dieci anni i residenti chiedono di essere serviti da un sistema fognario e di raccolta delle acque, nella zona mai realizzato. Torelli (M5s): "Lì quando piove la strada finisce spesso per allagarsi"

Una foto dell'allagamento avvenuto nel 2008

A pochi passi dalla stazione ferroviaria di Magliana, è stato progettato un intervento che i residenti attendevano da moltissimo tempo. Solo grazie alla determinazione di alcuni di loro, l'amministrazione cittadina ha deciso di metter mano ad un gravoso problema: l'assenza di fognature.

La zona interessata

"In commissione lavori pubblici di Roma Capitale – racconta Mario Torelli, delegato della sindaca nel Municipio XI – è stato presentato dai tecnici del Dipartimento Simu e dell'Acea, il progetto per realizzare l'impianto fognario nel tratto comprso tra il civico 538 e 600". Si tratta di alcune centinaia di metri di strada, a valle della collina di Magliana Vecchia, tra via del Trullo e gli autodemolitori. Una zona che diventa particolarmente problematica quando piove.

La lunga attesa dei residenti

"In quel tratto manca il sistema di raccolta delle acque scure e chiare e nei giorni di maltempo si formano la strada finisce per allagarsi" creando disagi notevoli alla circolazione che in alcuni casi hanno comportato anche l'intervento dei mezzi di soccorso. "Quando siamo arrivati in Municipio abbiamo trovato una relazione tecnica realizzata da un geometra e decine di firme raccolte dai residenti che, da anni,  – racconta l'ex assessore ai Lavori Pubblici Giacomo Giujusa – chiedevano di intervenire su quel tratto di strada".

L'intervento del Municipio XI

La raccolta firme, sottoscritta da una cinquantina di abitanti, risale in effetti al 2009. Nel corso dei dieci anni i residenti hanno infatti più volte sollecitato l'amministrazione a realizzare l'infrastruttura mancante. "Come giunta ci siamo interessati della vicenda. C'era anche un esposto che, dopo tanta anni di attesa, gli abitanti avevano deciso di scrivere. Allora abbiamo interessato Acea e Simu - spiega l'ex assessore municipale Giujusa - perchè lì il lavoro dovrà essere realizzato in sinergia". Acea è infatti competente per la realizzazione del sistema fognario, mentre il sistema di raccolta delle acque meteoriche, trattadosi di una  strada considerata di grande viabilità, è del comune e quindi del Dipartimento Simu.

L'ultimo step

"Le spese per la realizzazione del tratto fognario sono ripartite tra il SIMU ed ACEA – conferma l'ex minisindaco Torelli – ma prima di dare corso ai lavori, occorre l'approvazione di una delibera di giunta  perchè l'opera passa anche su un'area privata, e quindi bisogna prima attestarne la pubblica utilità". Serve quindi un ultimo passaggio amministrativo, prima di risolvere, definitivamente, un problema che attanaglia decina di famiglie.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento