ArvaliaToday

Marconi, non passano a raccogliere la carta da due settimane. Cinque scuole invase dai rifiuti

Disagi segnalati dai residenti di Marconi in tre plessi del territorio. Ass Giujusa (M5s): "Problema in via di risoluzione ma serve più attenzione per i siti sensibili"

I rifiuti nell'istituto comprensivo Bagnera

Rifiuti cartacei non raccolti per settimane. Succede a Marconi ed a farne le spese sono tre plessi scolastici. Nei rispettivi cortili si sono accumulati quintali di imballaggi in cartone, in buona parte residui delle mense. 

Le proteste dei genitori

I genitori preoccupati hanno provato a segnalare il problema. Alcuni lo hanno fatto esibendo un cartello con la scritta "Abbandonati". Altri hanno contattato i referenti istituzionali del Municipio XI.  Le famiglie dell'Istituto Comprensivo Bagnera, anche tramite i social network, hanno invocato "un intervento immediato da parte delle istituzioni a tutela della salute dei nostri bambini, affinchè la disinfestazione e la deblattizzazione da poco effettuate non vengano vanificate".

La reazione del Municipio XI

L'intervento è stato richiesto da più parti. Dal centrodestra il leghista Catalano ha stigmatizzato lo spettacolo offerto "davanti agli occhi dei bambini" ai quali poi, paradossalmente, "viene insegnato a riciclare in una città dove la raccolta è al collasso". Anche il centrosinistra municipale è intervenuto con una lettera che, il consigliere Barocci (PD) ha inviato ad Ama per chiedere un pronto intervento e per ricordare che, in quelle scuole, i rifiuti non sono stati ritirati dal 23 ottobre.

Un problema diffuso

Nel mese di ottobre il servizio di raccolta della frazione cartacea, per gli esercizi commerciali, è andato in palese sofferenza. La mancata entrata in funzione della raccolta tecnologica e la fine del rapporto con la cooperativa 29 giugno, ha difatti messo in seria difficoltà molte attività presenti nel I, II, III e XV Municipio. Evidentemente però, non ne hanno sofferto solo gli esercizi commerciali.

La causa del disservizio a Marconi

"Anche l'XI municipio è stato tra quelli che hanno pagato il passaggio da un gestore all'altro" spiega l'assessore all'ambiente Giacomo Giujusa. "Con l'uscita di scena della cooperativa 29 giugno, Ama ha affidato il servizio per le utenze non domestiche ad un'altra realtà, la AVR, che evidentemente deve tarare meglio la raccolta". A farne le spese sono stati i plessi del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le  scuole con i rifiuti in cortile

"Sono in tutto tre plessi, cinque scuole in tutto, dove la frazione della carta si è andata ad accumulare. Sono Blaserna, Bagnera, Cardano, Cruto e Papareschi. Per le prime tre il problema è stato risolto nella giornata di venerdì 9 novembre, perchè è subenratata Ama a raccogliere quei rifiuti. Per Cruto e Papareschi provvederanno nella giornata di Sabato". Problema quindi quasi rientrato. "Come Municipio chiediamo che AVR presti maggiore attenzione ai siti sensibili dalle scuole agli ospedali. Stessa cura chiediamo sia riposta anche per gli altri locali pubblici". In caso contrario, il problema tornerà a presentarsi,insieme alle inevitabili proteste delle famiglie del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento