ArvaliaToday

Villa Bonelli, si rompe una tubatura: il quartiere resta trenta ore senz’acqua corrente

Il guasto ad una conduttura ha comportato l’interruzione del servizio idrico per Villa Bonelli. I residenti, con taniche e bottiglie, si sono riforniti alle autobotti di Acea

Un'autocisterna a Villa Bonelli. Foto di M. Palma

Trenta ore senz’acqua. I residenti di Villa Bonelli, nella zona sud ovest della Capitale, hanno dovuto rinunciare per oltre una giornata al prezioso servizio idrico. 

L'improvvisa sospensione idrica

Il guasto ad una conduttura ha provocato, nella serata di martedì 14 gennaio, l’improvvisa rinuncia al prezioso bene. Il quartiere pè rimasto, senza preavviso, privo del necessario servizio idrico. “Si è rotta una tubatura in via del Calzolaio e di conseguenza tutta Villa Bonelli è rimasta senz’acqua – ha raccontato l’ex consigliere municipale Marco Palma – di conseguenza molti residenti hanno dovuto recarsi al supermercato per acquistare delle bottiglie. Altri invece si sono avvalsi delle autobotti fornite da Acea”.

Il rifornimento ed i disagi

Quattro autocisterne sono state dislocate agli angoli del quartiere,” in via Montalcini, davanti la scuola Ribotti e davanti la scuola Sciascia ed all’angolo con via Calzolaio”  ha dichiarato sempre l’ex consigliere Palma. In tanti però si sono messi al telefono per cercare di capire quando il guasto sarebbe stato riparato. Sui social, nei gruppi dedicati al quartiere, sono stati numerosi gli aggiornamenti che gli abitanti hanno reciprocamente provato a fornirsi. Per il ritorno alla normalità, però, è stato necessario attendere 30 ore. I disagi sono stati inevitabili. L'Istituto comprensivo Nino Rota, ad esempio, "per il persistere della mancanza d'acqua" nella tarda serata del 15 gennaio, ha "consigliato ai genitori di tenere i figlia al caldo a casa".

Il ripristino dell'acqua

In relazione al guasto, Acea Ato 2 fa sapere  di "essere intervenuta immediatamente sul posto, a seguito delle segnalazioni, riscontrando un danno importante ad una tubazione in ghisa che alimenta la zona, situata in via Francesco Calzolaio. Le operazioni di riparazione sono andate avanti per tutta la giornata di ieri fino a notte inoltrata: l’intervento - ha precisato Acea-  si è rivelato particolarmente difficoltoso a causa delle grandi dimensione della tubatura, 350 mm, e a causa della profondità dello scavo, oltre tre metri sotto il livello del suolo". Il protrarsi anche nella notte dei lavori, nel cantiere di via del Calzolaio, è stato testimoniato anche da molti abitanti.

Il ritorno alla normalità

"Per sopperire ai disagi dei residenti - ha infine precisato l'azienda municipalizzata -  Acea Ato 2 ha predisposto un servizio di rifornimento sostitutivo con il posizionamento, sul posto, di 5 autobotti". Una in più di quante non siano state calcolate dall'ex consigliere Palma. Ripartato il guasto, nella mattinata mattinata di giovedì 16 gennaio il problema è stato definitivamente risolto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Articolo aggiornato il 16 gennaio alle ore 11:05

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Sciopero a Roma: venerdì 29 maggio metro, bus e tram a rischio. Gli orari

Torna su
RomaToday è in caricamento