ArvaliaToday

Piana del Sole: "Rendiamo la vita difficile ai ladri di carburante"

Allo studio diverse soluzioni per rendere più complicato il furto di carburante dall'oledotto dell'Eni. Giujusa: "Giovedì 22 abbiamo fatto ultima commissione sulla materia. Stiamo monitorando la situazione"

Vita dura ai ladri di carburante. E’ questo l’obiettivo che l’amministrazione del Municipio XI, insieme ad Eni Spa, sta cercando di perseguire. Riuscirvi, significa mettere al riparo da disastri ambientali il territorio a cavallo tra Piana del Sole e Fiumicino. Non è raro infatti che, i furti di carburante, degenerino. Con intuibili conseguenze per le aree circostanti.

UN INTERVENTO TEMPESTIVO - “Il 12 maggio c’è stato l’ultimo tentativo di furto – ricorda Giacomo Giujusa, assessore all’ambiente del Municipio XI – in quell’occasione, con la consigliera Francesca Sappia, siamo subito andati a verificare l’attività di bonifica di Eni. Fortunatamente il foro è stato molto piccolo e quindi lo sversamento si è limitato a circa 300 litri  di gasolio, finiti solo in minima parte in acqua”. In quel caso la fuoriuscita è stata subito tamponata con panni assorberti. “Eni – prosegue Giujusa – è stata allertata dai sensori di sicurezza e quindi è potuta intervenire immediatamente”.

IL PUNTO DEBOLE - La vicenda è stata monitorata nel tempo. “Giovedì 22 abbiamo svolto l’ultima Commissione Lavori Pubblici e Ambiente – racconta Giujusa – per verificare se Arpa avesse effettuato le necessarie verifiche, dopo la bonifica di Eni. Le risultanze emerse sono tranquillizzanti”. Resta il problema. “C’è un collettore, un ponte strutturale che attraversa in superficie il canale. E’ lì che i ladri di carburante concentrano la loro attrività. Di conseguenza gli sforzi vanno concentrati in quel punto e sono al vaglio varie soluzioni. Si pensa ad esempio di ‘incamiciare’ questo tubo, per evitare che sia perforato. O almeno – conclude l’assessore – per rendere la vita più difficile ai ladri”. Non solo per il danno economico del furto, ma anche per le conseguenze che spesso causa all’ambiente circostante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus Fiumicino, dopo ristorante chiuso un chiosco sul lungomare: positivi i titolari del locale

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi contagi, altri 8 a Fiumicino. Sono 827 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi: positivi anche due senza fissa dimora. Nel Lazio 841 gli attuali contagi

Torna su
RomaToday è in caricamento