ArvaliaToday

Valle Galeria, riparte la mobilitazione: "No all'ennesimo scempio del territorio"

Il 21 giugno, sotto la Regione Lazio, i comitati della Valle Galeria tornano a manifestare. "No alla discarica di amianto ed inerti, no alla riaccensione dell'inceneritore per rifiuti ospedalieri e niente tritovagliatore"

La collina dell'ex discarica di Malagrotta

Il destino della Valle Galeria è di nuovo in discussione.  La chiusura della discarica di Malagrotta ed il tramonto del progetto sull'ecodistretto, non sono sufficienti a garantire la serenità dei residenti. La destinazione per scopi industriali dell'area, non contribuisce a rasserenare gli animi. Ed in assenza di una politica chiara in materia di rifiuti, si continua a temere un ritorno al passato.

LA PROTESTA - "Abbiamo deciso di far ripartire la mobilitazione – annuncia Claudio Fetoni, presidente del CdQ Castelmalmone. "La nostra è una zona verdeggiante a due passi dal mare, ma continua ad essere minacciata. Per questo il 21 giugno, alle ore 10, saremo davanti alla Regione Lazio. Protestiamo contro i progetti di quanti, da Acea ai privati, hanno preso di mira il nostro territorio".  Non ci sarà soltanto il Comiato di Quartiere. "I comitati di Piana del Sole e di Massimina hanno manifestato l'intenzione di aderire. Spero lo stesso vogliano fare quelli di Roma Nord. Siamo stati  a Torreimpietra, dove questa mattina era presente anche una nostra delegazione per dire no alla discarica di Pizzo del Prete".

I PRINCIPALI TIMORI - La preoccupazione dei residenti è profonda. "I maggiori timori che abbiamo riguardano l'apertura di una discarica per amianto ed inerti; la riaccensione dell'inceneritore di rifiuti ospedalieri speciali; un tritovagliatore di rifiuti organici. Siamo contrari a ciascuno di questi impianti. Noi veniamo dall'esperienza di Malagrotta, chiusa dopo 40 anni. E non ci sentiamo affatto garantiti, perchè tra l'altro vediamo camion che ancora vi accedono con del materiale e non capiamo cosa ci vadano a fare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MONTI DELL'ORTACCIO - C'è un altro timore che attanaglia i residenti. "Una volta che è stata abbandoanta l'ipotesi di realizzare una  discarica di servizio a Monti dell'Ortaccio, non abbiamo visto partire nessuna riqualificazione. Perchè non si interviene con una riqualificazionea ambientale? Sappiamo che l'attuale politica si è adoperata per far cessare attività come quella di Malagrotta, ma anche l'inceneritore dei rifiuti speciali. Ora però sembra che i programmi siano nuovamente cambiati, per questo chiamiamo a raccolta i cittadini. Serve una mobilitazione per scongiurare l'ennesimo scempio nel nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento