ArvaliaToday

Sotto Malagrotta la strada fantasma dove i rifiuti si estendono a perdita d'occhio

Mai presa in carico dall'amministrazione. Ecco i risultati

Via di Castel Malnome è una strada situata ai piedi dell'ex discarica di Malagrotta. Si tratta di una bretella, un raccordo tra la Muratella e la Portuense. Una via che, in assenza di controlli e di bonifiche, si è trasformata in una lunga discarica.Sui lati di via Castel Malnome è possibile rinvenire di tutto. Le tonnellate di rifiuti che sono accatastate sul ciglio stradale, mostrano l'inciviltà di chi ve li ha lasciati. Ma anche l'inerzia di chi dovrebbe provvedere a bonificare l'area. Il punto però, è che la strada si trova in un limbo: l'amministrazione non l'ha infatti mai presa in carico. E quindi non viene pulita da anni.

La mancata presa in carico

 "E' rimasta incompleta, perchè i soldi che erano previsti per la sua messa in esercizio, sono in gran parte stati impiegati per un altro cantiere, aperto a seguito di alcuni ritrovamenti archeologici", spiega Angelo Vastola, consigliere PD del Municipio XI. La strada però, anche se in assenza di un collaudo e di una presa in carico dell'amministrazione cittadina, è stata aperta al pubblico. Collega infatti la rotonda della Muratella con la zona di Monte Carnevale e dunque i romani che devono recarsi a Parco Leonardo ed a Commercity, la utilizzano come alternativa a via di Ponte Galeria. La sua apertura, è di fatto stata chiesta proprio per ridurre il traffico in transito nel quartiere.

La succursale di Malagrotta

La sua progressiva trasformazione in una discarica, come mostra anche un video girato dal consigliere dem, è sotto gli occhi dei tanti automobilisti che la percorrono. "I cittadini ci chiedono di bonificarla, ma il Municipio non fa nulla. E' vero che non è stata presa in carico, ma un'amministrazione deve cercare di rispondere alle esigenze dei cittadini – spiega Vastola – nel corso della precedente consiliatura avevamo ottenuto dalla ditta che operava nel cantiere, che intervenisse a pulire l'area, conferendo poi i rifiuti in discarica. Ormai non viene fatto nemmeno più quello". E con il passare del tempo, la strada si è disseminata di una quantità spropositata d'ingombranti e di sacchetti di plastica. In assenza dell'azione dell'amministrazione, e della sua definitiva presa in carico, via di Castel Malnome si è trasformata in una succursale di Malagrotta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento