ArvaliaToday

Nidi chiusi nel Municipio XI, replica Torelli: “La sicurezza viene prima di tutto”

Il delegato della Sindaca nel Municipio XI risponde alle critiche sullo scarso preavviso nel comunicare le chiusure anticipate e le aperture posticipate dei nidi

Nella foto uno dei nidi chiusi anticipatamente

Per alcuni nidi del Municipio XI, quella che è cominciata il 17 giugno, rappresenta l’ultima settimana di apertura al pubblico. Il servizio poi, com’è stato comunicato anche mediante un’avviso pubblicato nelle bacheche scolastiche, riprende il 30 settembre. Tre mesi dopo.

La comunicazione istituzionale

Il motivo di una tale prolungata chiusura, è stato chiarito dall’ufficio municipale che ne ha diramato la notizia. Anche l’ex Minisindaco Mario Torelli, oggi delegato municipale della Sindaca Raggi, è intervenuto sulla questione. “L 'Ufficio Tecnico del Municipio XI continua l'adeguamento antincendio degli edifici scolastici pubblici” ha tenuto a far sapere Torelli.

Gli interventi e la priorità

“Completati i progetti, i bandi di legge e le gare d'appalto – ha aggiunto l’ex Minisindaco - sono stati affidati I lavori ed approfittando della chiusura estiva, stanno per iniziare le opere edili ed impiantistiche di adeguamento dei Nidi ‘Aquilone Blu’ a Marconi, ‘Mais e Girasole’ a Magliana, ‘Coccole e Colori’ al Portuense, ‘Bussola d'Oro’ e ‘Idea’ al Trullo. Poichè le opere sono imponenti ed I lavori proseguiranno anche dopo la riapertura delle scuole, è attualmente in corso, di concerto con il Personale dei Servizi educativi, la definizione degli ultimi dettagli tecnico-organizzativi dei Cronoprogramma e dei Piani di Sicurezza per il coordinamento tra i lavori e le attività scolastiche. La sicurezza dei ragazzi – ha concluso il Minisindaco – viene prima di tutto. Il responsabile PD di zona Lanzi se ne facesse una ragione”.

La tempistica contestata

Gli interventi da realizzare nelle strutture, non erano però stati oggetto di contestazione. In realtà, gli ex consiglieri che avevano segnalato il caso, avevano criticato la tempistica. Il fatto cioè di non aver atteso luglio, quando la maggior parte dei nidi sono chiusi, per l’avvio dei lavori. Un modo, in definitiva, per evitare disagi alle famiglie. Ma le chiusure del 24 settembre saranno confermate “laddove sono presenti i cartelli” ha chiarito il delegato della Sindaca. In generale “I lavori sono organizzati in modo tale da farli coincidere con chiusura ed apertura scuola. È ovvio che – ha aggiunto Torelli – potrebbe esserci qualche necessità imprevista” .

I disagi per le famiglie

Nei nidi che riprenderanno l’attività il 30 settembre, questa coincidenza con l’apertura della scuola, evidentemente non si è trovata. Ed anche se nessun genitore vorrebbe mai portare i propri figli in strutture insicure, il problema resta. Soprattutto per i nuovi iscritti che dovranno posticipare gli inserimenti da settembre ad ottobre. 
 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Cerveteri si prepara al Jova Beach Party: bagni vietati e stabilimenti chiusi in anticipo. Tutte le info

  • Fiocco viola e messaggi su schermi: Atac ricorda Sophia, figlia di un dipendente morta dopo una malattia

Torna su
RomaToday è in caricamento