ArvaliaToday

Officine Italia si prende "Il Bartolo", l'ex INPS di Portuense

Il centrosinistra stigmatizza l'occupazione dell'ex sede INPS di via Bartolucci. Officine Italia Blocco Sociale rivendica il gesto: "Abbandonato da quasi 30 anni, è un mostro di cemento, fatiscente e degradante"

Nella mattinata il gruppo Officine Italia Blocco Sociale, ha occupato l'ex sede INPS di via Bartolucci. Il gesto è stato annunciato attraverso un comunicato. Nel documento si fa notarecome "Il Bartolo" sia "da circa  30 anni abbandonato da ogni uso e attività", fatto questo che ha permesso  "alla vegetazione di mostrare al quartiere un mostro di cemento, fatiscente e degradante".

L'INTENZIONE - "Nessuna associazione che in passato ha preso in carico la cura dello stabile ha mai avuto la seria intenzione di mantenere il suo impegno" leggiamo sempre nel comunicato. L'azione di Officine Italia è stata conseguente. L'occupazione è stata finalizzata a "prendersi cure dell'area" anche attraverso la proposta di un programma" che offre una pletora di servizi: dalla palestra popolare, alla biblioteca; dal teatro, al centro anziani.

LA REPLICA - L'iniziativa non è andata a genio del PD municipale. "Ci risiamo – scrivono in una nota il Capogruppo Gianluca Lanzi e la Consigliera Giulia Fainella - Anche questa volta l'avvio della campagna elettorale per i movimenti di destra nel quartiere Portuense è rappresentato dall'occupazione abusiva dello stabile di proprietà dell'INPS sito in Via Luigi Bartolucci n. 38"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL LAVORO DI ANNI - I due Consiglierei Democratici, oltre a stigmatizzare il gesto, sottolineano il lavoro svolto negli anni. "La sezione del PD e le tante realtà associative del quartiere si sono occupate della riqualificazione dello stabile, proponendo progetti, organizzando incontri, raccolte firme e scrivendo direttamente al Presidente dell'INPS Tito Boeri per chiedere un intervento risolutivo. La destra, invece - attaccanno Lanzi e Fainella-  se ne ricorda solo in campagna elettorale con atti illegali e, come sempre, solo con finalità propagandistiche. Il nostro impegno e quello dei cittadini non si fermerà, continueremo insieme a lavorare affinché lo stabile INPS torni nella disponibilità di tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento