ArvaliaToday

Nuovi marciapiedi, piantumazioni e pedane per gli autobus: la preferenziale cambia il volto della Portuense

La preferenziale costerà un milione di euro e sarà lunga 1,7 km. Ma non sarà ininterrotta. Il progetto è stato presentato ai cittadini, ancora fortemente scettici

Il rendering della preferenziale di via Portuense

Portuense è preoccupata. In pochi giorni sono state raccolte quasi duemila firme per chiedere di non realizzare la preferenziale.  Per un chilometro e settecento metri, compresi tra Largo La Loggia e via Belluzzo, la strada conoscerà dei profondi cambiamenti.

Una trasformazione radicale

"Abbiamo cercato di mantenere sempre due corsie per le auto, sfruttando al meglio la sistemazione dei marciapiedi ed il posizionamento degli alberi" spiega l'assessore municipale alla Mobilità Stefano Lucidi." Lavoriamo anche su una semaforica di tipo intelligente, rifaremo l'asfalto fino ad una profondità di quaranta centimetri e posizioneremo delle pedane all'altezza delle fermate degli autobus. Perchè oggi, a causa delle auto in sosta, è pericoloso prendere i mezzi pubblici su quella strada". La trasformazione di via Portuense sarà quindi radicale

Una preferenziale non continua

I tanti cambiamenti descritti, serviranno ad ospitare una corsia riservata al trasporto pubblico ed ai mezzi  di soccorso, che però non sarà continua. "Ci sono dei piccoli tratti in cui non è possibile realizzarla, a causa del restringimento della strada – chiarisce l'assessore Lucidi – ad esempio in via di Vigna Jacobini c'è un edificio vincolato che non lascia alla strada un'ampiezza sufficiente per ospitare una preferenziale. Per il resto lavoreremo riducendo sensibilmente lo spazio dell'attuale marciapiede, dove sono presenti gli ospedali, diverranno di 2,5 metri. Ed anche gli alberi verranno spostati dall'attuale sede stradale, che costringe gli automobilisti a parcheggiare tra di loro". Verranno piantumati sui marciapiedi.

Le obiezioni

La metamorfosi di via Portuense è stata descritta nel corso di un'assemblea svoltasi lunedì 17 dicembre. All'appuntamento hanno partecipato decine di residenti e commercianti che si sono manifestati profondamente critici rispetto alla proposta del Municipio. "Se fosse stata una preferenziale continua avrebbe avuto anche senso, ma così proprio no" obietta Sirio Bianchi, neo presidente dell'AGS Vigna Pia. "Verrà speso 1.015.000 di € per un 1,5 km di strada - hanno osservato Federico Rocca, Marco Palma e Valerio Garipoli, dirigenti e consiglieri di Fratelli d'Italia - ma se il Campidoglio ha 1 mln di € da gettare all’aria possiamo suggerire opere più utili e necessarie per la viabilità del quadrante Portuense" hanno obiettato i tre, ricordando ad esempio "l'imbuto" che si viene a creare dopo il sottopasso ferroviario. Lì la preferenziale non arriva. Servirebbe un ampliamento del sedime stradale. "C'è un progetto, ma non sarà economico" ammette Lucidi. Sarebbe però opportuno.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Cassia, auto contro un pilone: due morti

  • In bilico sul balcone si lascia cadere nel vuoto, salvata dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

  • Mercatini di Natale a Roma: tutti quelli da non perdere

  • Maltempo a Roma, un'altra strage di alberi: strade chiuse e auto schiacciate dai rami 

Torna su
RomaToday è in caricamento