ArvaliaToday

Viale Isacco Newton: sgomberate baracche abusive

Un insediamento di baracche abusive sorte nell'area verde tra viale Isacco Newton e via Papa Leone è stato sgomberato stamattina dalla polizia municipale abitate da persone in regola ma nel degrado

Stamattina la Polizia Municipale con personale specializzato del XV Gruppo e quello del Pronto Intervento Centro Storico Sezione Decoro, coordinati dal dirigente Maurizio Maggi, è intervenuta per un'azione di bonifica in viale Isacco Newton. L'operazione è servita per bonificare l’area verde compresa tra Viale Isacco Newton e Via Papa Leone. Lì, nascoste  da un fitto canneto, erano sorte delle baracche di fortuna costruite con legno e cartone. Le persone che le abitavano avevano cosparso il territorio con materiali provenienti dai cassonetti della spazzatura dando vita a delle vere e proprie discariche a cielo aperto con la presenza di latrine.
Sono state trovate nove persone, cinque donne e quattro uomini in regola con i documenti ma sommersi dal degrado. Le baracche sono state demolite con le ruspe e tutto il territorio è stato bonificato dai rifiuti e dagli escrementi. L’intero canneto è stato tagliato con l’obiettivo di scoraggiare nuove occupazioni non soltanto per il decoro urbano ma anche per tutelare la circolazione stradale su viale Isacco Newton. Attraversamenti sulla strada di persone che improvvisamente uscivano dal canneto o vi entravano con carrelli e materiali rappresentavano un pericolo per tutti.


 Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV dichiara: “All’intervento di sgombero è seguita una efficace azione di riqualificazione del verde, al fine di disincentivare una nuova occupazione abusiva dell’area: stato di illegalità e degrado, da tempo segnalato da diversi residenti e denunciato anche dal sottoscritto, che ha visto il suo termine proprio oggi grazie all’intervento dei vigili urbani”.
“Mentre nei pressi della Riserva Naturale della Valle dei Casali continua positiva l’opera di riqualificazione, di monitoraggio e lotta agli stati di illegalità – conclude la nota di Santori - stessa cosa non si può dire per quel che concerne le aree adiacenti alla Tenuta dei Massimi, tra Muratella e Magliana Vecchia, quadrante dove i campi nomadi proliferano e divengono ogni giorno più invasivi della quotidianità cittadina, con particolare riferimento al campo tollerato di Via Marchetti alla Collina Alitalia e di Candoni 2 a Magliana Vecchia”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento