ArvaliaToday

Trullo, quattro mesi di tempo per rimuovere l'eternit dall'ex Caserma Donato

Ufficializzato l'appalto per la bonifica dell'ex caserma

La notizia è stata annunciata attraverso una nota ufficiale dell'Agenzia del Demanio. Dal 15 marzo è stato ufficalmente aggiudicato l'appalto per rimuovere le lastre di eternit presenti nell'ex caserma Donato del Trullo. Sono state finalmente ascoltate le istanze dei romani che chiedevano di bonificare il sito di via del Trullo 533.

Un risultato importante ed atteso

"I cittadini aspettavano da tanto tempo quest'operazione con la quale si  mira a garantire la salute dei residenti –  ha commenta il presidente del Municipio XI Mario Torelli – quella che ci è stata comunicata dall'agenzia del demanio è una bella notizia, una vittoria". Per l'ex capogruppo pentastellato Martone è addirittura "il risultato più importante da quando sono stato eletto Consigliere municipale". Ma l'entusiasmo per la notizia è contagioso ed attraversa gli schieramenti.  "Si tratta di un importante risultato per la salute e la vita dei cittadini del Trullo – ha osservato il capogruppo di FdI Valerio Garipoli – ci abbiamo lavorato con attenzione, tra maggioranza ed opposizione, sia nelle commissioni che sul territorio". 

L'eternit da rimuovere

L'intervento sull'ex caserma prevede che siano rimosse e sostituite le lastre di copertura che sono realizzate in eterint. Inoltre saranno bonificate anche gli altri singoli elementi che sono stati individuati, come la canna fumaria ed il cassone per l'acqua. Anche questi, all'interno della caserma adibita a magazzino per materiali di telecomunicazioni, erano realizzati in eternit. Le operazioni di bonifica saranno eseguite entro 120 giorni dalla consegna del manufatto.

La futura riqualificazione

Le aspettative dei residenti sull'ex caserma Donato, non si limitavano alla sola rimozione dell'eternit. Da anni al Trullo chiedono di utilizzarne gli imponenti spazi. "Ora deve partire immediatamente una visione futura sull'ex Caserma – ha osservato il pentastellato Gianlcuca Martone – perchè abbiamo il dovere di proteggere quello spazio, mettendolo al servizio dei cittadini, creando spazi sociali, aree verdi e progetti per lo sviluppo economico del quadrante". Quella della riqualificazione è una partita che ancora si deve giocare, ma sulla quale sono già stati spesi fiumi d'inchiostro. Perchè qualsiasi destinazione potesse essere presa in considerazione, era necessario procedere alla preliminare bonifica dall'eternit. Ora, finalmente, il primo passo è stato fatto. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento